Aurora_party_princess_cosplitaly

Professione Party Princess

Quando si parla di adulti che si vestono come i personaggi degli anime o, nel caso specifico di questo articolo, da principessa Disney, la gente poco abituata pensa subito a qualcosa di infantile e poco serio. Ma cosa direbbero se sapessero che alcune persone ne hanno fatto un lavoro?

Attraverso le parole di Francesca Goffredo, Party Princess insieme al suo fidanzato, vi guidiamo alla scoperta di questo mondo incantato, fatto di bellissime e aggraziatissime principesse e anche dei supereroi più famosi!

Francesca Goffredo nei panni di Ariel durante un Party

Un nuovo modo per rendere magico il compleanno di ogni bambino

Da bambini tutti abbiamo sognato di vivere un compleanno magico insieme alle proprie principesse Disney preferite o al fianco dei supereroi che più amiamo: grazie al lavoro e alla dedizione di quanti si dedicano al mestiere di Party Princess/Hero, oggi è possibile. Sono performer, spesso anche Cosplayer, che per per lavoro vestono i panni del personaggio richiesto dai festeggiati rendendo uniche e magiche le loro feste. Inviti in pergamena, giochi a tema, racconti recitati e, perché no, anche una vera e propria cerimonia di incoronazione: tutto per rendere tutto straordinario e memorabile quel giorno. Simil cosa anche se il festeggiato ha desiderio di vivere un giorno da Super Eroe.

Andrea Borni nei panni di Spiderman durante un Party

Professione Party Princess: una opportunità lavorativa da non sottovalutare

Il fenomeno di cui vi stiamo raccontando ha origini recenti: è nato in America ed è sempre più di moda. A ciò si è ispirata anche Francesca Goffredo, Party Princess e proprietaria di un’agenzia di animazione nel Lazio, e ci spiega che nel tempo ha voluto rendere questa figura non una semplice presenza al momento del taglio della torta, ma una figura attiva al 100% nella buona riuscita della festa di compleanno: chiacchierando con lei dalle sue parole traspaiono quelli che sono i principi fondanti di questo nuovo tipo di lavoro, in cui l’interazione con i bambini è una parte centrale ed importante.

Cosa vuol dire essere Party Princess?

Essere una Party Princess significa avere una certa somiglianza con la principessa che si interpreta, un buon portamento, movimenti aggraziati (proprio come ci si aspetta da una principessa Disney), ma anche e soprattutto tanta voglia di comunicare con i bambini: veri e propri protagonisti della festa. Ovviamente per giungere ad un risultato perfetto tale da far pensare ai bambini che le performer siano delle vere principesse è anche necessario che gli abiti e le parrucche siano davvero perfetti e, quindi, vi è anche un certo investimento da parte delle performer. Il risultato finale dev’essere impeccabile!

Inoltre in questo lavoro, dove niente può essere lasciato al caso e la fedeltà al personaggio dev’essere la più alta possibile, le performer vengono sottoposte a diverse sessioni di training: ripasso delle storie cosi da migliorare l’interpretazione e corsi di aggiornamento per tenersi al passo con i tempi e offrire il migliore servizio possibile. Ma quali sono i requisiti di una Party Princess?

Francesca Goffredo nei panni di Belle

Requisiti per essere Party Princess

Francesca ci spiega che quando lei sceglie le sue performer valuta molti fattori quali l’aspetto che deve essere curato e il fisico se è longilineo, la dizione e la buona educazione, ma che l’elemento fondamentale è conoscere la storia delle principesse e amarle. Tenuti in considerazione anche aspetti come il saper ballare e il saper cantare, ma non sono fondamentali, poiché la sua agenzia offre ai suoi clienti diversi pacchetti con diverse attività e chi non ha un particolare talento nel canto o nel ballo può comunque entrare a far parte del tea, salvo soddisfare i sopracitati prerequisiti.

Da ciò capiamo che essere una Party Princess non è semplicemente indossare una parrucca e un vestito principesco, ma soprattutto si deve far credere ai bambini di essere davvero quella principessa cosi da poterli stupire e regalare loro un compleanno indimenticabile.

Francesca nei panni di Aurora durante un Party

Consigli utili

Concludiamo dando lo speciale consiglio di Francesca a coloro che aspirano a diventare Party Princess, ma anche a chi già lo è: oltre ai sopracitati requisiti tecnici è indispensabile creare un ambiente in cui le aspiranti principesse possano sentirsi supportate e sostenute in modo da poter fare esperienza nel miglior possibile. Poi come sempre bisogna crederci e non arrendersi mai: d’altronde una certa canzone non diceva “I sogni son desideri”?

E voi avete mai pensato di fare della vostra passione un lavoro? Avete esperienza in ciò?

Default image
Selenia Avolio
Articoli: 13

Rispondi