Intervista a Datenshi, lo “Zero Two nazionale”

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo del Cosplay italiano raccontandovi oggi di Nathan, conosciuto su Instagram come “datenshi” e che conta ad oggi più di 9Mila e 400 Follower tutti molto attivi. Ha 21 anni e tiene a precisare che è non-binary e che preferisce i pronomi neutri, ma visto che in italiano non esistono chiede di usare il maschile.

Com’è nata la tua passione per il Cosplay? Da quanto lo pratichi?

Ho cominciato nel 2013 quando ancora andavo alle medie. Ho sempre avuto una grande passione per gli anime sportivi e infatti è stato merito di Kuroko no Basket se ho deciso di attivarmi: volevo avvicinarmi anche solo di poco ai personaggi che amavo.

Datenshi
Datenshi nel Cosplay di un Cyberpunk OC, Ph @barocosplay.ph

Parliamo del tuo nome d’arte: Da dove deriva?

Ah, vorrei avere una risposta profonda a questa importante domanda, ma purtroppo non ce l’ho (ride). Ho scelto Datenshi solo perché fa figo, però penso mi si addica!

(堕天使 “angelo caduto” in Giapponese)

Datenshi
Datenshi nel Cosplay di Zero Two – Darling in the franxx, Ph @martinabrui_photography

Oltre a Zero Two, tanti altri i personaggi preferiti

Sicuramente tra i miei Cosplay preferiti c’è D.va, personaggio con cui ho legato tantissimo e che sono fiero di poter chiamare “Comfort Character”. Sono un perfezionista, ma nei panni di D.va anche se non sono perfetto mi sento bene lo stesso! Parte della lista sono anche Oikawa Tooru e Galo Thymos. Spero di espandere ulteriormente il mio ventaglio di comfort characters con i miei next di Genshin Impact.

Datenshi
Datenshi nel Cosplay di Hatsune Miku – Senbonzakura, Ph @robertskayal

Tra i tuoi Cosplay ce n’è uno di cui non sei soddisfatto?

Purtroppo mi tocca nominare 2B. Non importa quanto io mi impegni per renderla il più fedele possibile, vedrò sempre dei difetti o delle minuzie da cambiare…

Datenshi

C’è qualcosa che vorresti dire o consigliare ai nostri lettori?

Aspettandomi di avere una maggioranza di Cosplayers come lettori, c’è solo una cosa che mi sento di consigliare, è ciò che avrei voluto sentirmi dire in passato, durante i miei primi anni come Cosplayer: non fatevi influenzare dal vostro corpo quando si tratta di fare un Cosplay. A chi importa se siete troppo alti o troppo bassi, come pure troppo in carne, troppo magri o troppo poco muscolosi? Alla fine della giornata, il motivo per cui facciamo Cosplay è per l’orgoglio di poterci guardare allo specchio, o in foto, e pensare “wow, sono davvero stupend*”

Datenshi
Datenshi nel Cosplay di Yae Sakura – Honkai Impact 3, Ph @barocosplay.ph

Default image
Samantha De Luca
Articoli: 6

2 Comments

Rispondi